Phillip Island, Gara 1: Il Mondiale 2014 si apre sotto il segno di Laverty

23/02/2014 » Superbike Redazione
Non poteva esserci inizio migliore per Eugene Laverty ed il team Crescent Suzuki in questo inizio di campionato Superbike 2014. Il pilota irlandese ha infatti riportato al successo la Suzuki, dopo un digiuno che durava dal 2010, quando Leon Haslam vinse Gara 2 a Kyalami, in Sudafrica.

Laverty ha giocato un brutto scherzetto al team Aprilia, con cui ha corso fino alla passata stagione, battendo entrambi i suoi due piloti al debutto con la sua nuova squadra, dopo che i loro rapporti si erano un pò incrinati quando la casa di Noale aveva deciso di appiedarlo (nonostante il secondo posto finale nel campionato dello scorso anno) per dare il suo posto a Marco Melandri.

Melandri che ha iniziato la giornata con un ottimo secondo posto, precedendo in volata il compagno di squadra Sylvain Guintoli, partito dalla pole.

Fuori dla podio, invece, Davide Giugliano con una Ducati 1199 Panigale R tornata competitiva, seguito dal francese Loris Baz in sella alla Kawasaki ufficiale.

Solo settimo il campione in carica Tom Sykes, un pò in affanno qui a Phillip Island. L'inglese ha chiuso tra i due connazionali Jonathan Rea (Honda) e Chaz Davies (Ducati), rispettivamente in sesta ed ottava posizione, precedendo lo spagnolo David Salom e l'italiano Niccolò Canepa, entrambi ultimi della Top-10 ma in testa alla classifica della nuova classe EVO.

Non hanno invece visto la bandiera scacchi Toni Elias, Alex Lowes, Leon Haslam ed Alessandro Andreuzzi, finiti a terra con le rispettive moto.

La classifica della gara:

01. Eugene Laverty - Voltcom Crescent Suzuki - 33'39"440
02. Marco Melandri - Aprilia Racing Team - +2"959
03. Sylvain Guintoli - Aprilia Racing Team - +3"034
04. Davide Giugliano - Ducati Superbike Team - +6"972
05. Loris Baz - Kawasaki Racing Team - +11"132
06. Jonathan Rea - Pata Honda World Superbike Team - +11"718
07. Tom Sykes - Kawasaki Racing Team - +15"612
08. Chaz Davies - Ducati Superbike Team - +25"724
09. David Salom - Kawasaki Racing Team - +37"407
10. Niccolò Canepa - Althea Racing - +37"468
11. Glenn Allerton - BMW Motorrad Italia Superbike Team - +39"271
12. Fabien Foret - MAHI Racing Team India - +45"212
13. Claudio Corti - MV Agusta Reparto Corse Yakhnich Motorsport - +50"249
14. Jeremy Guarnoni - MRS Kawasaki - +1'17"134
15. Sheridan Morais - IRON BRAIN Kawasaki SBK Team - +1'23"686
16. Imre Toth - BMW Team Toth - +1'30"651
17. Aaron Yates - Team Hero EBR - EBR 1190RX - +1 giro
--ritirati--
__. Alessandro Andreozzi - Team Pedercini Racing
__. Leon Haslam - Pata Honda World Superbike
__. Alex Lowes - Voltcom Crescent Suzuki
__. Toni Elias - Red Devils Roma

Altre notizie della categoria

  • Gp Australia: Viñales e Yamaha, il trionfo che segna il ritorno 29/10/2018 » MotoGP
  • Giappone, Gara: Marquez passa al livello 7 22/10/2018 » MotoGP
  • A Vallelunga il pluricampione Pirro si aggiudica il titolo SBK 2018 09/10/2018 » CIV

0 commenti  (registrazione necessaria)

  • Per poter inserire un commento devi essere registrato!
    Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI adesso...