GP Canada: Assolo Hamilton. Disastro Raikkonen. Brilla Vettel dal fondo.

08/06/2015 » Formula 1 Matteo Lupi - ( twitt: @japanpower81 )

Ok: Hamilton ha vinto, Rosberg è arrivato secondo e Alonso si è ritirato. Esaurita la parte istituzionale e monografica del commento relativo sl GP del Canada possiamo passare ad analizzare il momento più interessante, l'episodio che ha deciso la gara, quantomeno per il terzo gradino del podio: vale a dire lo scellerato testacoda di Kimi Raikkonen. Ebbene sì, scellerato, perchè va bene commettere un errore, ma lasciare sull'asfalto una buona metà del treno di gomme appena montato nel tentativo di rimediare, è una cosa inconcepibile neppure per un gentleman driver di una gara club del kartodromo ricavato occasionalmente nel parcheggio del centro commerciale dietro casa.

Sollevato dalla presenza ingombrante di Sebastian Vettel, cacciato in fondo al gruppo dal guasto elettronico patito in qualifica e dalla penalità rimediata per aver sorpassato la Manor di Mehri nelle libere, Il finlandese aveva tutto il sostegno della squadra, pronta ad accogliere come manna dal cielo una prova convincente dopo un paio di performance incolori. Invece è finito per naufragare dando fiato alle voci dei critici che lo vorrebbero fuori da Maranello per la prossima stagione.

Kimi era stato autore di una buona partenza e di una prima parte di gara molto convincente, riuscendo a braccare Rosberg, tanto da mettere pressione al box della Mercedes che in occasione della prima sosta si era affrettato ad intimare al tedesco di spingere per evitare il rischio di undercut, ma poco dopo ha rovinato tutto andando in testacoda al tornante del Casino, nello stesso identico punto del 2014. Nel vano tentativo di limitare i danni e recuperare il prima possibile, il ferrarista ha però completato la frittata, mantenendo il piede sul gas e rovinando pesantemente le gomme posteriori.

Persa la posizione su Bottas, che fin lì non aveva rappresentato una concreta minaccia, Raikkonen ha cercato di salvare il salvabile ricucendo il gap e provando a riconquistare il podio. A 29 giri dal termine il muretto ha quindi deciso di richiamarlo ai box per una seconda sosta provando la carta delle supersoft, ma il ritmo della SF15-T numero 7 non è mai stato paragonabile a quello della gemella affidata a Vettel e sul terzo gradino del podio, per la prima volta in questa stagione, è salita la Williams del suo connazionale e vociferato sostituto.

Per contro il tedesco ha regalato una prova maiuscola con una strepitosa doppia rimonta. Partito con il coltello tra i denti è riuscito ben presto ad arrivare in zona punti, dopo un sorpasso da brividi ai danni di un combattivo Alonso: a quel punto, prima che il suo ritmo potesse crollare alle spalle di vetture meno rapide, il muretto della Ferrari ha deciso di anticipare la sua sosta per permettergli di avere pista libera e guadagnare secondi nella fase di gara successiva. Il con il treno di soft nuove appena montato, Vettel è diventato il più veloce in pista, recuperando come un fulmine su Massa che, fino alla sosta, aveva accompagnato la sua risalita verso la zona punti. Consapevole della difficoltà di portare a termine la gara con una sosta così anticipata e confidando nell'uscita di una Safety Car (presenza fissa delle ultime edizioni...) il quattro volte campione del Mondo ha quindi impostato la strategia su stint a ritmo indiavolato ritornando in pit lane per una seconda sosta poco dopo la metà gara. Dopo un duello all'arma bianca con Hulkenberg, conclusosi con il pilota della Force India in testacoda all'ultima chicane, ed un breve inseguimento alla Lotus di Maldonado, Vettel ha potuto tirare i remi in barca a 10 giri dalla fine, quando davanti a lui c'era solo la quarta piazza di Raikkonen.

L'ultimo brivido l'ha regalato Grosjean con un'assurda manovra in fase di doppiaggio ai danni di Stevens che ha costretto entrambi ai box per sostituire rispettivamente la posteriore sinistra, foratasi nel contatto, e l'ala anteriore. Il francese è stato anche sanzionato con 5 secondi da aggiungere al tempo di gara, episodio che non gli ha impedito di marcare un punto concludendo in decima posizione.

Punti anche per Massa, Maldonado, Hulkenberg e Kvyat.

Altre notizie della categoria

  • Singapore, Gara: finalmente Vettel, doppietta Ferrari! 23/09/2019 » Formula 1
  • Monza, Gara: Leclerc entra nel mito 09/09/2019 » Formula 1
  • Belgio, Gara: vittoria di Lecler dedicata all'amico Hubert 02/09/2019 » Formula 1

0 commenti  (registrazione necessaria)

  • Per poter inserire un commento devi essere registrato!
    Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI adesso...

Ultime foto inserite

  • Festa Ferrari 1000 GP a Firenze
  • Ferrari F1 Clienti - Mugello, Italia
  • Ayrton Day - Imola, Italia
  • Minardi Historic Day - Imola, Italia
  • GP Italia, Monza
  • Minardi Historic Day - Imola, Italia
  • Esibizione Ferrari al Motor Show di Bologna
  • Salone 70 Anni di Ferrari al Mugello