GP Bahrain: Hamilton vince di misura una gara splendida

06/04/2014 » Formula 1 Matteo Lupi - ( twitt: @japanpower81 )
Non ce ne voglia la Mercedes, ma vincere il Gp del Bahrain è stata tutta la Formula 1: a Sakhir è andato in scena uno spettacolo d'altri tempi fatto di staccate al limite, sorpassi e controsorpassi, senza trascurare il brivido di un clamoroso looping che ha visto per vittima, fortunatamente incolume, il povero Esteban Gutierrez.

Lewis Hamilton ha sovvertito il risultato delle qualifiche bruciando Rosberg al via, ma non è stato il solito noioso assolo: il poleman non si è mai dato per vinto, continuando a braccare il rivale per tutta la prima parte. Quando, dopo la girandola dei pit stop, sembrava che Hamilton avesse trovato un minimo di respiro è arrivato il clamoroso contatto tra Maldonado e Gutierrez che ha richiesto l'intervento della safaty-car annullando tutti i distacchi. Il venezuelano in uscita dalla pit-lane è arrivato alla staccata della prima curva senza prestare alcuna attenzione alla traiettoria già impostata dal messicano, toccando la posteriore destra della Sauber con l'anteriore sinistra della sua Lotus: Gutierrez si è visto scaraventare in aria, riatterrando sulle quattro ruote dopo un clamoroso ribaltamento. Dopo un attimo di esitazione, sottolineato anche da un incredulo team radio, il pilota della Sauber è uscito dall'abitacolo rientrando ai box con le sue gambe, mentre Maldonado è stato penalizzato con uno stop&go di 10 secondi.

Quando la vettura di sicurezza ha ripreso la via dei box si è aperto un'entusiasmante rush finale con tutti i piloti ravvicinatissimi: Hamilton ha provato nuovamente la fuga ma Rosberg si è rifatto sotto attaccando il compagno in due occasioni. I due hanno bellamente ignorato il team radio di Paddy Lowe che, durante il periodo di neutralizzazione, li aveva invitati a non prendere rischi eccessivi, finendo per incrociare le traiettorie dentro e fuori la pista. Alla fine Hamilton è riuscito a difendersi in maniera egregia nonostante la mescola più dura rispetto all'avversario tagliando il traguardo con un distacco minimo,

Se la lotta per la vittoria si è ravvivata nel finale non si può dire lo stesso della battaglia per il podio e per la zona punti che è stata in bilico dal primo all'ultimo giro. A salire sul terzo gradino è stato Sergio Perez autore di una gara fenomenale: il messicano ha corso con il coltello tra i denti producendosi in manovre chirurgiche nei confronti del compagno Hulkenberg e di Felipe Massa, al lungo terzo nella prima parte di gara. Eccezionale anche la prestazione di Ricciardo, quarto dopo essere partito dalla tredicesima piazza, ma soprattutto autore di un clamoroso sorpasso ai danni di Vettel nel finale con cui ha messo in chiaro di non aver alcun timore reverenziale nei confronti dei suoi 4 titoli mondiali. L'australiano ha preceduto Hulkenberg e lo stesso compagno di squadra che negli ultimi due passaggi ha dovuto difendersi dal ritorno delle Williams con Massa e Bottas settimo ed ottavo sotto la bandiera a scacchi.

E la Ferrari? Mai come in Bahrain è stata più azzeccata la citazione "Profondo Rosso": Alonso e Raikkonen hanno corso badando solo a difendersi pagando distacchi abissali e mancanza di velocità. I due ferraristi hanno perso praticamente tutti i duelli ravvicinati sia con i motorizzati Mercedes che con le due Red Bull chiudendo ai margini della zona punti: eloquente l'immagine del presidente Montezemolo che ha abbandonato l'autodromo ben prima della fine, scuro in volto e lasciandosi andare ad un sibillino "C'è ancora molto da fare. Sapevamo di essere indietro, ma non pensavo così tanto".



Classifica


1. GBR L.Hamilton Mercedes Mercedes 1:39:42.743
2. GER N.Rosberg Mercedes Mercedes +1.085
3. MEX S.Perez Force India Mercedes +24.067
4. AUS D.Ricciardo Red Bull Renault +24.489
5. GER N.Hulkenberg Force India Mercedes +28.654
6. GER S.Vettel Red Bull Renault +29.879
7. BRA F.Massa Williams Mercedes +31.265
8. FIN V.Bottas Williams Mercedes +31.876
9. SPA F.Alonso Ferrari Ferrari +32.595
10. FIN K.Raikkonen Ferrari Ferrari +33.462
11. RUS D.Kvyat Toro Rosso Renault +41.342
12. FRA R.Grosjean Lotus Renault +43.143
13. GBR M.Chilton Marussia Ferrari +59.909
14. VEN P.Maldonado Lotus Renault +62.803
15. JAP K.Kobayashi Caterham Renault +87.900
16. FRA J. Bianchi Marussia Ferrari +1 giro
17. GBR J.Button McLaren Mercedes +2 Giri
-. DEN K.Magnussen McLaren Mercedes Ritirato
-. MEX E.Gutierrez Sauber Ferrari Accident
-. SWE M.Ericsson Caterham Renault Ritirato
-. GER A.Sutil Sauber Ferrari Ritirato
-. FRA J.Vergne Toro Rosso Renault Ritirato

Altre notizie della categoria

  • Singapore, Gara: finalmente Vettel, doppietta Ferrari! 23/09/2019 » Formula 1
  • Monza, Gara: Leclerc entra nel mito 09/09/2019 » Formula 1
  • Belgio, Gara: vittoria di Lecler dedicata all'amico Hubert 02/09/2019 » Formula 1

0 commenti  (registrazione necessaria)

  • Per poter inserire un commento devi essere registrato!
    Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI adesso...

Ultime foto inserite

  • Festa Ferrari 1000 GP a Firenze
  • Ferrari F1 Clienti - Mugello, Italia
  • Ayrton Day - Imola, Italia
  • Minardi Historic Day - Imola, Italia
  • GP Italia, Monza
  • Minardi Historic Day - Imola, Italia
  • Esibizione Ferrari al Motor Show di Bologna
  • Salone 70 Anni di Ferrari al Mugello