GP Argentina: Vittoria Crutchlow, Marquez senza freni e rabbia Rossi

09/04/2018 » MotoGP Redazione / motogp.com
Il GP di Argentina va a Cal Crutchlow (LCR Honda Castrol) al termine di una domenica dove è successo di tutto o quasi. Per la Casa alata è un successo storico, il numero 750 della sua prestigiosa e vincente storia. Secondo Johann Zarco (Monster Yamaha Tech3) che raccoglie il quarto podio in carriera. Per la prima volta nelle posizioni che contano entra, Alex Rins (Team Suzuki Ecstar).

L'incertezza del via. Dopo il continuo mutare climatico del fine settimana, la pioggia torna a bagnare la pista di Termas e la gara è dichiarata 'bagnata'. Ma in pochi minuti cambiano le tattiche e, quasi tutti, i piloti entrano al box cambiando le gomme. Tranne Jack Miller (Alma Pramac Racing) che resta solo sulla griglia di partenza in pole position avendo già scelto le slick. Una situazione confusa, ricorda il GP di Germania del 2014. La partenza è posticipata e l'avvio sarà di una gara accorciata a 22 giri. Sulla griglia c'è una larga distanza tra Miller e gli altri in modo da avvantaggiare l'australiano, fermo sulle sue scelte prima del cambio.

La gara di Marquez è una fiera di errori. Attimi di tensione per lui che spegne la moto prima del via. Passa la casella di partenza, riaccende il prototipo e torna alla posizione iniziale. Il suo avvio è indemoniato, riprende Miller e lo supera senza problemi. È primo ma la manovra del via in contromano, gli costa il passaggio nella corsia dei box e al sesto giro sconta la penalità. Perde posizioni, prova a recuperare e nella foga viene a contatto con Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini): seconda ammonizione che gli costa una posizione.

Sarà una prova nervosa per il campione del mondo che alla fine attacca Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP) e lo fa cadere. Per questo subisce un'altra penalizzazione di 30 secondi. Tre 'cartellini gialli' in 22 giri, un record in basso. La tensione sale alle stelle quando il pilota Honda prova a scusarsi nel box di Rossi con le porte che gli vengono sbarrate in faccia.

Scivolata anche per Dani Pedrosa. Il numero 26 Repsol Honda è vittima di un incidente spettacolare nel duello con Zarco. Per lo spagnolo una botta alla mano.

Andrea Dovizioso (Ducati Team) interpreta una prova di costanza oltre la quinta posizione. Prova ad arginare Marquez in rimonta ma ha la peggio e non è mai nel vivo della lotta per il podio. Sarà sesto, mentre Jorge Lorenzo lontanissimo dai primi, quindicesimo. Andrea Iannone (Team Suzuki Ecstar) è ottavo.


Altre notizie della categoria

  • Prima vittoria in Qatar per Dovizioso! 19/03/2018 » MotoGP
  • Australia, Gare: doppietta per Melandri e Ducati 25/02/2018 » Superbike
  • Valencia, Gara: Pedrosa vince nel trionfo di Marquez 13/11/2017 » MotoGP

0 commenti  (registrazione necessaria)

  • Per poter inserire un commento devi essere registrato!
    Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI adesso...