Marquez perfetto, il campionato è suo

17/10/2016 » MotoGP motogp.com
Vittoria del pilota Honda a Motegi che conquista il quinto titolo iridato. Rossi e Lorenzo sono out mentre Dovizioso va a podio.

Il GP del Giappone va a Marc Marquez (Repsol Honda) che si laurea campione del mondo della classe regina con tre gare d'anticipo. Le cadute di Valentino Rossi e di Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha) gli spianano la strada verso la terza iride nella classe regina. Andrea Dovizioso (Ducati Team) è secondo davanti a Maverick Viñales del team Suzuki Ecstar.

Condizioni di pista buone fanno da cornice alla partenza della quindicesima gara della stagione. In testa alla griglia di partenza c'è Rossi. Con un giro perfetto nelle qualifiche il nove volte campione Movistar Yamaha si è imposto sui rivali in campionato Marquez e Lorenzo che ora dividono con lui la prima fila della griglia di partenza. Il numero 93 HRC è stato il più veloce delle prove mattutine mentre il maiorchino è stato vittima di una paurosa caduta nel sabato mattina di libere e dopo vari accertamenti è tornato in pista conquistando la prima fila. Sorte diversa per Dani Pedrosa (Repsol Honda) che, vittima di un disarcionamento il venerdì ha riportato la multi frattura della clavicola destra e non solo salterà la gara ma probabilmente tutto il triplete. Il suo rientro probabilmente a Valencia, al suo posto Hiroki Hoyama.


Da segnalare, ma già dall'inizio di GP, l'impiego di Hector Barbera (Avintia Racing) con i colori del Ducati Team come sostituto di Andrea Iannone, ancora fuori per problemi alla vertebra infortunata a Misano. Al posto dello spagnolo, che partirà dalla terza fila, il pilota WorldSBK Mike Jones. Meglio di lui in qualifica il numero 4 del Team Andrea Dovizioso, autore di brillanti qualifiche con il quarto tempo. Danilo Petriucci (Octo Pramac Yakhnich) scatterà invece in apertura della quarta fila. Katsuyuki Nakasuga è invece la wild card dei tre diapason con la scuderia ufficiale Yamalube Yamaha in sedicesima posizione al via.


Si spegne il semaforo e Marquez parte bene ma è infilato da Lorenzo e poi da Rossi. Il pilota Honda torna secondo mentre Aleix Espargaro del team Suzuki Ecstar e scattato dalla sesta piazza supera Rossi che torna poi terzo. Dovizioso perde terreno ed è sesto ma recupera e supera Cal Crutchlow (LCR Honda) mentre Petrucci è nono. Dopo un giro Lorenzo allunga di 0,5s mentre dietro il duello Rossi - Marquez è fatto di sorpassi e controsorpassi. Continua a restare agganciato ai primi tre Espargaro, mentre il compagno di box Maverick Viñales è sesto dietro al numero 4 del team. Cade Eugene Laverty (Pull&Bear Aspar).


Al terzo giro Marquez ha la meglio su Lorenzo che al secondo posto sembra più lento del rivale di box, mentre il numero 41 Suzuki è staccato di qualche metro e nel mirino della DesmosediciGP di Dovizioso. A meno 19 giri dalla fine Marquez ha un vantaggio di circa un secondo e Valentino strappa il secondo posto a Lorenzo con una manovra netta ed efficace. Anche Dovizioso intanto si sbarazza di Espargaro ed è quarto. Cade Jack Miller, nessuna conseguenza per il pilota Estrella Galicia 0,0.


Ma la gara del Dottore termina al sesto giro con una scivolata alla curva dieci. Il nove volte campione perde l'anteriore e finisce nella ghiaia. Si rialza e torna ai box per poi ritirarsi. Cade anche Hector Barbera alla curva 1. Per il numero 93 le possibilità dei essere campione per la terza volta sono aumentate esponenzialmente. Ora deve vincere e sperare che Lorenzo non arrivi a podio.


La corsa riserverà altre emozioni e Marquez a tredici giri dalla fine ha circa tre secondi di vantaggio sul maiorchino mentre Dovizioso mantiene la terza posizione davanti al due corridori Suzuki Ecstar. Al decimo giro Aleix Espargaro è vicino al forlivese ma non sembra in grado di impensierirlo. Anzi, il ducatista si avvicina al codino della M1 di Lorenzo mentre si accende la sfida nel box Ecstar tra Viñales ed Espargaro quando alla fine mancano 7 tornate. Il giro dopo il numero 25 ha la meglio sul compagno di team.


A meno cinque giri dal termine Marquez è praticamente il nuovo campione del mondo. Lorenzo scivola alla curva nove e con il ritiro dei due rivali Yamaha la strada verso la terza corona della classe regina è spianata. Il numero 93 è oltre 4 secondi da Dovizioso mentre Viñales è terzo.

Il giorno nero dei tre diapason: Rossi e Lorenzo fanno 0.


Il due piloti Yamaha cadono e aprono la strada al successo iridato di Marquez. Resta il duello interno al box per la seconda posizione.

I giri finali sono la cavalcata in solitaria di Marquez verso il trionfo. Il talento di Cervera vince il suo quinto titolo iridato con tre gare d'anticipo e celebra il suo dominio in Giappone per la seconda volta dopo la vittoria in campionato del 2014. Per Dovizioso è il quarto podio stagionale mentre il pilota Suzuki è il terzo davanti al compagno di box e a Crutchlow. Petrucci sarà nono.




Altre notizie della categoria

  • Valencia, Gara: Pedrosa vince nel trionfo di Marquez 13/11/2017 » MotoGP
  • Malesia, Gara: Dovizioso e la Ducati tengono rimandano la festa di Marquez 30/10/2017 » MotoGP
  • Potenza Desmo Dovi, che vittoria a Motegi! 16/10/2017 » MotoGP

0 commenti  (registrazione necessaria)

  • Per poter inserire un commento devi essere registrato!
    Esegui il LOGIN o, se non l'hai ancora fatto, REGISTRATI adesso...