Febbre della velocità: La 24 ore di Le Mans (1971)

Se siete dei nostalgici e avete voglia di parlare delle grandi gare del passato, allora questo è il forum giusto!
luca lazzarato
Champion
Champion
Messaggi: 2239
Iscritto il: 20/02/2010 - 17:16
Nome e cognome: luca
Località: italia
Contatta:

Febbre della velocità: La 24 ore di Le Mans (1971)

Messaggioda luca lazzarato » 20/11/2013 - 02:49

Immagine

La 24 ore di Le Mans (1971)

[Le Mans, USA 1971, Drammatico, durata 106'] Regia di Lee H. Katzin Con Steve McQueen, Elga Andersen, Siegfried Rauch, Ronald Leigh-Hunt

Immagine
La trama

Michael arriva a Le Mans per partecipare alla 24 ore, una delle più insidiose e massacranti gare automobilistiche. La sua voglia di disputare una buona gara è frenata dal fatto che tra il pubblico è presente la vedova di Belgetti, pilota deceduto l'anno precedente sullo stesso tracciato in seguito ad un incidente in cui lui era coinvolto. Inizia la corsa e Delaney si porta subito in testa, ma un altro incidente sembra compromettere la sua gara.
Più che un film drammatico è un documentario sulla leggendaria corsa di durata (manca un vero e proprio intreccio). A McQueen piacque molto, perché gli consentì di guidare.

Immagine
Il sogno cullato per anni da McQueen di realizzare un film sull'automobilismo e i sentimenti che trasudano dai piloti si concretizzò in questa pellicola dell'anno di rottura per lui 1971, dopo mille rinvii e tentativi mancati di avviare la macchina.....produttiva, per McQueen sarebbe dovuto essere la vetta della sua carriera e lo scrigno in cui conservare e mettere in mostra il suo living on the edge attraverso l'esperienza accumulata nei gloriosi anni sessanta spesi a cavallo di motociclette spinte al massimo o al volante di auto da sogno e davanti alla telecamera donando al cinema performance memorabili, mai errore di valutazione fu più grande!
Lo sbaglio madornale di McQueen fu quello di riporre il culo in seggiole che non gli competevano come quella del regista mentre era anche afflitto da problemi di separazione con la moglie Neile Adams e da un crescente disagio psicofisico tendente alla megalomania causato dall'abuso di cocaina; il regista incaricato era John Sturges che lo aveva diretto ne "I magnifici 7" e “La grande fuga”, due dei suoi film più famosi durante la lavorazione dei quali si era sviluppato un legame robusto fra il regista e l'astro nascente ma ormai McQ era una superstar e voleva fare le cose a modo suo, ovviamente Sturges lo vaffanculò dopo pochi mesi di riprese dichiarando una frase passata alla storia “Sono troppo ricco e troppo vecchio per questa stronzata di film” e il prezioso materiale faticosamente da lui girato fu cestinato per ritorsione, mentre il caos regnava sul set e McQueen continuava a dire a chi gli chiedeva una sceneggiatura da leggere che lo script era tutto nella sua testa assai sconvolta e tanto sconclusionata fu la storia al punto di svanire giorno dopo giorno o per meglio dire non comparire mai proprio per il disaccordo totale fra Sturges e il suo pupillo: il primo voleva fortemente realizzare un intreccio drammatico della trama che sviluppasse i sentimenti, le paure, la rivalità fra i piloti costantemente a duello con la morte e con il cronometro mentre McQueen mirava ad ottenere un film di 3 ore puramente documentaristico sulle corse e per sua opinione il tutto era già automaticamente drammatico di per se tanto che tre squadre di sceneggiatori erano quasi costrette a decifrare per intuizione l’immagine mentale del film scolpita nella sua testa senza ricavarne mai uno script degno di questo nome, McQueen era carnefice e vittima di se stesso e si aggirava come un pazzo a 200 miglia orarie per la pista di Le Mans al volante della sua Porche n°20 mentre il direttore della fotografia Robert Hauser realizzava delle immagini eccellenti e brillanti ancora oggi ma quando il misconosciuto Lee Katzin, il sostituto di Sturges, si presentò disinvolto chiamandolo Steve fu preso per la collottola e sollevato di peso per poi essere freddato con la frase “Io sono il signor McQueen…ricordalo bene”.
Immagine
Lo stato confusionale della superstar e la pesante responsabilità di realizzare un film del quale era stato l'ideatore ed il punto di riferimento dei produttori si abbatté come una mannaia di proporzioni gigantesche sulla lavorazione di "La 24 Ore di Le Mans" che rimane un documento storico su di un epoca leggendaria delle sfide a tutto gas fra le Ferrari e le Porsche ma anche un film strutturalmente sbagliato e inconsistente in cui l'aspetto psicologico dei personaggi è inesistente e di conseguenza scarsamente sviluppato, per farla breve le sequenze della competizione sono eccellenti ancora oggi e la lunga introduzione commentata dai suoni e le usanze dei protagonisti e degli spettatori ci trascina nel mondo dell'alta velocità in maniera quasi ipnotica poi comincia il film vero e proprio, cioè non comincia: dopo mezz'ora di sguardi e ammiccamenti McQueen esplode in un monosillabo in fuga solitaria come lui medesimo nei suoi cambi d'umore che lascia tutti a bocca aperta in attesa di sviluppi della trama che non arriveranno mai, l'emblema di uno stato paranoico della superstar ormai conclamato.
Le fasi del filmaking furono una guerra continua a partire dal casting: si fece fatica a trovare una obbligatoria figura femminile da affiancare a Steve che dopo essersi reso conto come Diana Rigg fosse già impegnata e l’ex modella Maud Adams troppo alta anche per le sue scarpe rialzate optò per la senza centimetri e senza personalità Elga Andersen, il suo antagonista n°1 è il tedesco Sigfried Rauch su Ferrari ma non lo si può neanche lontanamente paragonare al connazionale Schoemaker a parità di professioni, non sfigura il suo compagno di scuderia corso Luc Merenda protagonista della sequenza più memorabile del film ossia un pauroso incidente ripreso così egregiamente da sembrare materiale di repertorio e montato con stop motion e ralenty a sottolineare una volta di più che sotto l’aspetto squisitamente sportivo e spettacolare il film è molto valido ma latita tremendamente sotto l’aspetto umano, emblematica la presenza e contemporaneamente l’assenza per il poco screen time del nostro Angelo Infanti che raccontando l’appuntamento con McQueen per ottenere la parte riferisce di come cercò il più possibile di non apparire più alto di lui resosi conto di avere a che fare con una superstar in pieno delirio perché alle prese con i suoi demoni dalle tasche piene di dollari all’inseguimento di un bolide che per intenzioni doveva vincere la critica ed avvincere il pubblico ma si rivelò più una macchina della morte capace di mandarlo in crisi matrimoniale, recidere i rapporti con i suoi collaboratori storici come Bob Releya e Mario Iscovich, prosciugare le casse della Solar e per un pelo non gli stroncò anche la carriera.
Immagine
Le riprese furono un vero e proprio cataclisma giornaliero perché il film a detta di Steve era sulle macchine e solo macchine si vedono, anche l’unica battuta degna di nota di un mai così taciturno McQueen dice testuali parole “Molta gente attraversa la vita sbagliando tutto. Per noi che corriamo in macchina è importante farlo bene: ciò che avviene prima e dopo è solo attesa”, e tutto per le macchine fece: si racconta di incidenti a ripetizione uno dei quali per poco non gli costò la vita quando ormai si era in autunno ed i giochi erano fatti, aneddoti riferiscono di un McQueen inferocito con chi scattava una foto senza permesso, di microfoni all’interno delle roulotte per poter spiare chi parlasse male di lui, di gente liquidata con un calcio in culo per aver regalato una sua maglietta senza autorizzazione, di intere giornate passate ad osservare Steve ordinare agli addetti alle vetture di togliere il fango dalle ruote o aggiungere insetti sul parabrezza per poi chiudere la giornata con una manciata di secondi di materiale girato.
Immagine
L’esito commerciale del film fu logicamente deludente ma in definitiva il giudizio per quanto mi riguarda è la combinazione di due risultati opposti: un buon documentario sull’automobilismo denso di atmosfere anni settanta che fanno sempre bene, un film scarso sotto l’aspetto drammatico e privo di un intreccio convincente tanto quanto lo scavo psicologico dei personaggi.
Immagine
L’unica coincidenza fortunata fu girare il film nel 1970 poiché solo in questo anno la Ferrari partecipò alla 24 ore di Le Mans dando vita ad un duello unico nella storia di questa mitica gara con una rivale leggendaria come la Porsche.


Le Mans Full Movie http://www.youtube.com/watch?v=7iMcXWiS1AI
Immagine

wuhuilin11
Racing Fan
Racing Fan
Messaggi: 67
Iscritto il: 01/08/2018 - 13:50
Nome e cognome: Alan Hempfling

Re: Febbre della velocità: La 24 ore di Le Mans (1971)

Messaggioda wuhuilin11 » 15/09/2018 - 03:37

nike air max
mcm
uggs for women
chrome hearts bracelet
adidas ultra boost uncaged
air max 95
mulberry
louboutin
Salomon Speedcross 3
ray ban sunglasses
kd 9
air max
bvlgari sunglasses
goyard bag
pandora bracelet
Yeezy Boost 350
adidas outlet
pandora Charms
salomon speedcross 3
salvatore
yeezy boost 350 v2
coach handbags
nike vapormax
chrome hearts sunglasses
longchamp bag
jimmy choo
red bottoms
burberry purses
stephen curry shoes
burberry bags
pandora earrings
ugg,ugg slippers
pandora jewelry
skechers shoes
nike outlet
birkenstock sale
swarovski
adidas yeezy
prada shoes
moncler sale
coach bags
fitflop shoes
salvatore ferragamo shoes
burberry scarf
moncler,moncler jacket
Pandora Bracelet
oakley prescription sunglasses
asics outlet
yeezy boost 350
moncler jacket
ecco mens shoes
pandora uk
nmd
michael kors
ralph lauren polo shirts
salomon speedcross 3
moncler sale
kyrie irving shoes
cartier jewelry
curry 4 shoes
ray ban
adidas nmd r1
nike shoes
north face jacket
jordan retro 11
air max 97 mens
yeezy boost 350 v2
nike air max 95
prada wallet
pandora rings
supreme clothing
michael kors
north face jacket
pandora bracelet
balenciaga women
fenty puma shoes
moncler coat
true religion jeans men
mont blanc pens
jordan shoes
air jordan
air max 90
pandora jewelry
adidas originals nmd
nike vapormax
nike air max 270
air max 97
jordan 11
curry 4
kate spade wallet
ray ban
lacoste polo shirts
yeezy
nike air max 270
mulberry bag
asics running shoes
ed hardy clothing
james harden
jordan 11
valentino
nike air max
skechers women
chrome hearts bracelet
fitflop sandals
moncler jacket womens
true religion hoodie
adidas superstar mens
polo ralph lauren
swarovski pen
air max
goyard wallet
kate spade purses
polo ralph lauren
air max 95
nike air vapormax flyknit
lebron shoes
ray ban prescription sunglasses
yeezy shoes
nike air huarache
barbour outlet
nike air max 270
fitflop sale
christian louboutin shoes
birkenstock shoes
celine,celine bag
kate spade
nike air max
air max 97
balenciaga trainers
nike air max 2018
ugg boots
skechers outlet
new balance running shoes women
hermes belt men
mbt shoes
nike kd
supreme
Hermes Handbags
mcm
oakley eyeglasses
fitflop sale
pandora rings
barbour outlet
adidas originals nmd
adidas ultra boost
polo ralph lauren
yeezy boost 350 v2
pandora charms
lebron shoes
kyrie 4
red bottoms
pandora charm
huarache
salomon shoes
uggs on sale
jordan 11 space jam
kd shoes
longchamp bag


Torna a “Vintage Forum”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti