RENZO PASOLINI

Se siete dei nostalgici e avete voglia di parlare delle grandi gare del passato, allora questo è il forum giusto!
Avatar utente
Ross
Winner
Winner
Messaggi: 1659
Iscritto il: 23/10/2005 - 20:18
Località: Riccione

Messaggioda Ross » 07/07/2006 - 14:08

kaciaro ha scritto:
Ross ha scritto:A ho capito ti ringrazio per le notizie;ma quindi perchè quella gara famosa al Santamonica la chiamano Mototemporada?? [:9]

IN ONORE ALLA MOTOTEMPORADA CHE SI CORREVA SUI CIRCUITI CITTADINI [:15]

A ok!! [:12] [:15]
Immagine

kaciaro
Rookie
Rookie
Messaggi: 215
Iscritto il: 27/05/2006 - 19:23
Contatta:

Messaggioda kaciaro » 04/09/2006 - 17:22

guardate che bella foto INDIMENTICABILE RENZO

Immagine

Avatar utente
dreal
Famous Driver
Famous Driver
Messaggi: 807
Iscritto il: 12/02/2004 - 10:14
Località: Bergamo

Messaggioda dreal » 05/09/2006 - 11:15

kaciaro ha scritto:
Ross ha scritto:A ho capito ti ringrazio per le notizie;ma quindi perchè quella gara famosa al Santamonica la chiamano Mototemporada?? [:9]

IN ONORE ALLA MOTOTEMPORADA CHE SI CORREVA SUI CIRCUITI CITTADINI [:15]


La Mototemporada non era la gara che organizzava il padre del Dott.Costa?

Ad ogni modo,ho potuto conoscere i Grandi del passato solo attraverso i libri e i filmati(ebbene sono ancora giuvinciello io!)ma la stima che nutro per Renzo è pari a quella riservata a Mike the Bike...prima di loro...solo il Vale(ma non di molto!)

Sciao belli!
MEGLIO UN GIORNO DA ROSSI CHE UNA VITA DA BIAGGI!!!
Immagine Immagine

Avatar utente
Ross
Winner
Winner
Messaggi: 1659
Iscritto il: 23/10/2005 - 20:18
Località: Riccione

Messaggioda Ross » 05/09/2006 - 15:26

Guardate che tuta in canguro della Dainese e casco ultra leggero Arai nella foto del mitico Renzo!!!
Le saponette poi sono una cosa di speciale....... [:8] [:8]

Cavoli che differenza tra ieri e oggi....... [:5] [:13]
Immagine

kaciaro
Rookie
Rookie
Messaggi: 215
Iscritto il: 27/05/2006 - 19:23
Contatta:

Messaggioda kaciaro » 05/09/2006 - 17:08

Ross ha scritto:Guardate che tuta in canguro della Dainese e casco ultra leggero Arai nella foto del mitico Renzo!!!
Le saponette poi sono una cosa di speciale....... [:8] [:8]

Cavoli che differenza tra ieri e oggi....... [:5] [:13]
E che mi dici degli sponsor tecnici [:10] [:10] [:10] [:10]

Avatar utente
Ross
Winner
Winner
Messaggi: 1659
Iscritto il: 23/10/2005 - 20:18
Località: Riccione

Messaggioda Ross » 05/09/2006 - 17:11

kaciaro ha scritto:
Ross ha scritto:Guardate che tuta in canguro della Dainese e casco ultra leggero Arai nella foto del mitico Renzo!!!
Le saponette poi sono una cosa di speciale....... [:8] [:8]

Cavoli che differenza tra ieri e oggi....... [:5] [:13]
E che mi dici degli sponsor tecnici [:10] [:10] [:10] [:10]

Poi quelli lasciamo stare,potrebbe distruggere l'intera DORNA! [:1]
Mitico Renzo,per sempre con noi!
Immagine

TazioNivola
Reader RW
Reader RW
Messaggi: 2
Iscritto il: 08/05/2007 - 20:49
Località: Cesena

Messaggioda TazioNivola » 25/05/2007 - 19:01

kaciaro ha scritto:
ecco il dosso di cui ti parlavo

Immagine


Si questo è il salto sul dosso di via dei Mille a Cesenatico.

Tieni conto però che un salto in piena velocità le moto lo facevano anche sul dosso che c’era (anzi c'è ancora) sul Circuito di Rimini, per la precisione sul lungomare all'altezza di P.le Kennedy.

Io ho avuto la fortuna, di vedere in azione quasi tutti i grandi campioni degli anni '60 e '70, li ho visti sui circuiti della mototemporada e su svariati circuiti europei. Renzo Pasolini era (è...) un mio concittadino ed aveva il carattere rude ma bonario di noi romagnoli, gente molto diretta e assai poco diplomatica. Renzo aveva iniziato a correre nel motocross e quando passò alla velocità in circuito gli venne istintivo applicare lo tesso sistema di guida anche ai bolidi da velocità.

All'epoca lo stille "alla Pasolini" era sinonimo di guida scomposta, sebbene sempre assai efficace. ma i modelli erano Provini, Agostini, Venturi, Hocking...cioè quei campioni che,stilisticamente parlando, erano i prosecutori delle gesta di altri grandissimi che li avevano preceduti, gente come Duke, McIntyre, Amm ecc.

Pasolini era un pilota estremamte veloce, con la capacità di fare staccate micidiali che annichilivano l'avversario - in merito ne sa qualcosa Agostini - che sui circuiti italiani non temeva nessuno sebbene anche nei momenti migliori potè disporre di una Benelli (350 e 500) che era comunque più o meno sempre inferiore tecnicamente alle MV Agusta dei suoi avversari ed in particolare , è ovvio, a quella di Agostini.

Inferiorità che lui compensava con le sue grandi doti di guida, col suo coraggio e con la sua generosità.
Renzo è stato anche un pilota piuttosto sfortunato. Al contrario di Agostini non si è mai trovato al posto giusto nel momento giusto e questo lo ha penalizzato non poco. I periodi pre e post Benelli con l'Aermacchi e con l'(Aermacchi...) Harley Havidson, sono stati per lui delle vere e proprie perdite di tempo, anche se gli sono serviti a fare esperienza, anche a livello internazionale. Il primo periodo (primi anni '60) perchè le monocilindriche della casa di Varese non potevano competere com le plurifrazionate giapponesi e con la MV, quindi lui e Gilberto milani erano conunque costretti a fare delle gare di secondo piano, il secondo (1972-73) perchè quando finalmente la bicilindrica due tempi aveva raggiunto la necessaria messa a punto da permettergli di competere ad armi pari con la MV arrivò la tragedia di Monza.

Avrei ancora molto da dire ma mi fermo qui... per ora.
[:11]
Ultima modifica di TazioNivola il 25/05/2007 - 21:03, modificato 1 volta in totale.
TazioNivola

Avatar utente
512M
Famous Driver
Famous Driver
Messaggi: 944
Iscritto il: 06/03/2004 - 21:43
Località: Milano
Contatta:

Messaggioda 512M » 25/05/2007 - 20:28

Ribadsco: il Jilles del motociclismo, oppure Jilles il Pasolini dell'automobilismo.! Da brividi.
Ciò che è bello è il vero nutrimento per i nostri occhi!
qualunque cosa che fa battere il cuore.
Ma le auto............

kaciaro
Rookie
Rookie
Messaggi: 215
Iscritto il: 27/05/2006 - 19:23
Contatta:

Messaggioda kaciaro » 27/01/2008 - 19:54

GUARDATE QUESTE BELLE FOTO

Immagine

Immagine


Immagine [:15]

Avatar utente
...McRae Fly Forever... .
Rookie
Rookie
Messaggi: 476
Iscritto il: 25/01/2008 - 00:30
Nome e cognome: Mattew McRisis :D
Località: Ramingo :D
Contatta:

Messaggioda ...McRae Fly Forever... . » 27/01/2008 - 19:56

512M ha scritto:Ribadsco: il Jilles del motociclismo, oppure Jilles il Pasolini dell'automobilismo.! Da brividi.



Come non concordare [:15] ... .


@ kaciaro: Belle foto [:15] !... .
Immagine

...Grazie di tutto Colin...Grazie di tutto quello che mi hai dato...Riposa in pace Scozzese Volante...Ci rivedremo un giorno forse...Goodbye Colin McRae...Salutami tutti... .

-LA MIA PAGINA SU MYSPACE IN ONORE DI COLIN MCRAE: http://www.myspace.com/forevercolinmcrae

Immagine
Immagine

Avatar utente
dreal
Famous Driver
Famous Driver
Messaggi: 807
Iscritto il: 12/02/2004 - 10:14
Località: Bergamo

Messaggioda dreal » 12/03/2008 - 12:51

TazioNivola ha scritto:
kaciaro ha scritto:
ecco il dosso di cui ti parlavo

Immagine


Si questo è il salto sul dosso di via dei Mille a Cesenatico.

Tieni conto però che un salto in piena velocità le moto lo facevano anche sul dosso che c’era (anzi c'è ancora) sul Circuito di Rimini, per la precisione sul lungomare all'altezza di P.le Kennedy.

Io ho avuto la fortuna, di vedere in azione quasi tutti i grandi campioni degli anni '60 e '70, li ho visti sui circuiti della mototemporada e su svariati circuiti europei. Renzo Pasolini era (è...) un mio concittadino ed aveva il carattere rude ma bonario di noi romagnoli, gente molto diretta e assai poco diplomatica. Renzo aveva iniziato a correre nel motocross e quando passò alla velocità in circuito gli venne istintivo applicare lo tesso sistema di guida anche ai bolidi da velocità.

All'epoca lo stille "alla Pasolini" era sinonimo di guida scomposta, sebbene sempre assai efficace. ma i modelli erano Provini, Agostini, Venturi, Hocking...cioè quei campioni che,stilisticamente parlando, erano i prosecutori delle gesta di altri grandissimi che li avevano preceduti, gente come Duke, McIntyre, Amm ecc.

Pasolini era un pilota estremamte veloce, con la capacità di fare staccate micidiali che annichilivano l'avversario - in merito ne sa qualcosa Agostini - che sui circuiti italiani non temeva nessuno sebbene anche nei momenti migliori potè disporre di una Benelli (350 e 500) che era comunque più o meno sempre inferiore tecnicamente alle MV Agusta dei suoi avversari ed in particolare , è ovvio, a quella di Agostini.

Inferiorità che lui compensava con le sue grandi doti di guida, col suo coraggio e con la sua generosità.
Renzo è stato anche un pilota piuttosto sfortunato. Al contrario di Agostini non si è mai trovato al posto giusto nel momento giusto e questo lo ha penalizzato non poco. I periodi pre e post Benelli con l'Aermacchi e con l'(Aermacchi...) Harley Havidson, sono stati per lui delle vere e proprie perdite di tempo, anche se gli sono serviti a fare esperienza, anche a livello internazionale. Il primo periodo (primi anni '60) perchè le monocilindriche della casa di Varese non potevano competere com le plurifrazionate giapponesi e con la MV, quindi lui e Gilberto milani erano conunque costretti a fare delle gare di secondo piano, il secondo (1972-73) perchè quando finalmente la bicilindrica due tempi aveva raggiunto la necessaria messa a punto da permettergli di competere ad armi pari con la MV arrivò la tragedia di Monza.

Avrei ancora molto da dire ma mi fermo qui... per ora.
[:11]


A me garba da matti, puoi continuare finchè vuoi!

Anzi, se mi consigliassi qualche libro da leggere...se ne esistono...

Sciao Bello!

e Grazie!
MEGLIO UN GIORNO DA ROSSI CHE UNA VITA DA BIAGGI!!!

Immagine Immagine

kaciaro
Rookie
Rookie
Messaggi: 215
Iscritto il: 27/05/2006 - 19:23
Contatta:

Messaggioda kaciaro » 13/03/2008 - 15:01

dreal ha scritto:
TazioNivola ha scritto:
kaciaro ha scritto:
ecco il dosso di cui ti parlavo

Immagine


Si questo è il salto sul dosso di via dei Mille a Cesenatico.

Tieni conto però che un salto in piena velocità le moto lo facevano anche sul dosso che c’era (anzi c'è ancora) sul Circuito di Rimini, per la precisione sul lungomare all'altezza di P.le Kennedy.

Io ho avuto la fortuna, di vedere in azione quasi tutti i grandi campioni degli anni '60 e '70, li ho visti sui circuiti della mototemporada e su svariati circuiti europei. Renzo Pasolini era (è...) un mio concittadino ed aveva il carattere rude ma bonario di noi romagnoli, gente molto diretta e assai poco diplomatica. Renzo aveva iniziato a correre nel motocross e quando passò alla velocità in circuito gli venne istintivo applicare lo tesso sistema di guida anche ai bolidi da velocità.

All'epoca lo stille "alla Pasolini" era sinonimo di guida scomposta, sebbene sempre assai efficace. ma i modelli erano Provini, Agostini, Venturi, Hocking...cioè quei campioni che,stilisticamente parlando, erano i prosecutori delle gesta di altri grandissimi che li avevano preceduti, gente come Duke, McIntyre, Amm ecc.

Pasolini era un pilota estremamte veloce, con la capacità di fare staccate micidiali che annichilivano l'avversario - in merito ne sa qualcosa Agostini - che sui circuiti italiani non temeva nessuno sebbene anche nei momenti migliori potè disporre di una Benelli (350 e 500) che era comunque più o meno sempre inferiore tecnicamente alle MV Agusta dei suoi avversari ed in particolare , è ovvio, a quella di Agostini.

Inferiorità che lui compensava con le sue grandi doti di guida, col suo coraggio e con la sua generosità.
Renzo è stato anche un pilota piuttosto sfortunato. Al contrario di Agostini non si è mai trovato al posto giusto nel momento giusto e questo lo ha penalizzato non poco. I periodi pre e post Benelli con l'Aermacchi e con l'(Aermacchi...) Harley Havidson, sono stati per lui delle vere e proprie perdite di tempo, anche se gli sono serviti a fare esperienza, anche a livello internazionale. Il primo periodo (primi anni '60) perchè le monocilindriche della casa di Varese non potevano competere com le plurifrazionate giapponesi e con la MV, quindi lui e Gilberto milani erano conunque costretti a fare delle gare di secondo piano, il secondo (1972-73) perchè quando finalmente la bicilindrica due tempi aveva raggiunto la necessaria messa a punto da permettergli di competere ad armi pari con la MV arrivò la tragedia di Monza.

Avrei ancora molto da dire ma mi fermo qui... per ora.
[:11]


A me garba da matti, puoi continuare finchè vuoi!

Anzi, se mi consigliassi qualche libro da leggere...se ne esistono...

Sciao Bello!

e Grazie!


SU pASOLINI C'E SOLO QUESTO INTROVA

BILE LIBRO PURTROPPO

Immagine

IN ITALIA E' COSI' ne trovi 3000 sul fant........ehm folletto di tavullia ma il resto non vende [:18] [:18] [:18] [:18] [:18] [:18]

kanaya63
Reader RW
Reader RW
Messaggi: 1
Iscritto il: 05/07/2008 - 16:25

Re: RENZO PASOLINI

Messaggioda kanaya63 » 05/07/2008 - 17:25

Ciao Kacia ti ho scovato anche qui'!!!! [:15]


Torna a “Vintage Forum”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 20 ospiti